Musica a Iglesias e dintorni - Lao Silesu


Stanislao_Silesu (Samassi, 5 luglio 1883 – Parigi, 9 agosto 1953)
Ai primi del 900 Stanislao (Lao) Silesu era conosciuto in tutti gli ambienti culturali di Parigi, Londra e in molte altre capitali europee. Talento precoce, a 10 anni eseguì il suo primo concerto, a 13 cominciò a comporre serenate e canzoni, a 15 compose una commedia musicale, sotto l'attenta la guida del padre Luigi e di Luigi Allione (direttore della banda civica di Iglesias). Il maestro Allione, che fu sensibile pianista, allievo di Arrigoni e Pugno, organizzò il debutto di Stanislao Silesu al "Teatro Arena" di Iglesias. Lo storico Pasquale Marica testimoniò così l’evento: “(...) il piccolo timido Silesu, tra la curiosità del pubblico, attaccò con la Sonnambula del Bellini e finì con Mazeppa del Liszt, noto scoglio dei pianisti. L’uragano d’applausi che seguì la sua mirabile esibizione intimidì Lao che stordito si rifugiò fra le braccia della madre Anna Lai Silesu che commossa sino alle lacrime lo abbracciò, quasi a difenderlo dall’entusiasmo del pubblico.”.

Nocturne in A minor (Lao Silesu, 1920)

 

Stanislao Silesu nacque a Samassi il 5 luglio del 1883 dai genitori Anna Lai e Luigi. A 18 mesi dalla sua nascita la famiglia si trasferì ad Iglesias dove il padre fu chiamato a ricoprire l'incarico di organista della cattedrale di Santa Chiara. Il padre fu un discreto pianista e organista oltre che compositore e si occupò della formazione musicale del piccolo Stanislao che iniziò ad esibirsi al pianoforte all'età di 10 anni riscuotendo un notevole successo. Presto si trasferì a Milano dove frequentò il conservatorio Giuseppe Verdi e prese lezioni private di composizione dal maestro Carlo Gatti. Durante questo periodo scrisse la romanza "Rosa gentile" per voce e pianoforte e vari brani per pianoforte solo. A Milano conobbe la cantante sarda Carmen de Villa, che diventò la sua compagna di vita.

Dopo il diploma si recò a Londra e a Milano che lasciò nel 1907 per trasferirsi a Parigi, che, in quel periodo, era il centro culturale europeo dove si riunivano tutti gli artisti e gli intellettuali dell'epoca. A Parigi, col nome di Lao Silésu, ebbe successo con le sue allegre canzoni da café-chantant. Si fece presto conoscere in tutta Europa e le sue romanze furono interpretate da Enrico Caruso che le fece conoscere in tutto il mondo. Molti artisti e intellettuali del periodo apprezzarono le sue composizioni e la gente si appassionò alla sua musica spesso senza conoscere il nome dell'autore ma solo quello degli interpreti delle sue melodie.

L'incontro con l'ambiente parigino fu importante per la maturazione artistica di Lao Silesu. Studiò alla Schola Cantorum con Vincent d'Indy e frequentò i più grandi musicisti e compositori dell'epoca, da Ravel a De Falla a Puccini.
Nel 1903 Stanislao Silesu componeva il suo primo melodramma, Amsicora, in tre atti, su libretto di Sestilio Magnanelli. La sua seconda opera, sempre su libretto di Magnanelli, fu Astore, in un unico atto, tratto da una novella di Grazia Deledda. Al 1923 risale il melodramma "Le lys dans la vallée", in quattro atti, tratta dall'omonimo romanzo di Honoré de Balzac.

Strinse amicizia con Giacomo Puccini di cui ci restano documenti epistolari e manteneva vivi i rapporti con personalità italiane come Sandro Pertini, Emilio Lussu e Grazia DeleddaTra le numerose composizioni scritte in questo periodo, si ricorda la romanza “Voglio tornar” che ebbe illustre dedicatario il celebre tenore Enrico Caruso:

“Egregio Maestro
infiniti ringraziamenti per la romanza Voglio tornar che con tanto gentil pensiero ha voluto dedicarmi. Questa romanza mi è arrivata con l’altra T’amo ed ho trovato le due di fattura mirabile e facili a tonare l’animo del pubblico. Le ho già imparate e spero presto farne incisione se la compagnia me lo permette; a tal uopo mi mandi il nome dell’editore poiché è necessario saperlo.
Grazie ancora e con i migliori saluti
Enrico Caruso”.

Negli anni Trenta si accostò anche ad altri generi musicali: la musica religiosa e quella per film. Nel 1939 tornò a Samassi e l'anno dopo si esibì a Cagliari in un concerto che riscosse un grande successo di pubblico e di critica. Nel 1941 tornò a Parigi dove continuò a suonare fino alla morte, avvenuta nel 1953. L'ultima sua opera s'intitola "Gil Blas" ed è rimasta incompiuta.

La morte giunse inattesa il 12 agosto 1953 a Parigi. Il funerale “[...] fu di una estrema semplicità […] La bara venne portata nel cortile dell’immobile e collocata nella vettura mortuaria che si diresse verso la parrocchia di St. Jean de Montmartre, ove venne impartita la benedizione. Poi fu il viaggio verso l’ultima dimora, verso il cimitero suburbano di Pantin. Venne calato nella tomba fatta costruire dalla sorella. La bara venne coperta di grandi mazzi di gladioli bianchi e rossi come i colori della bandiera della sua Sardegna”.

Banda sinfonica Stanislao Silesu (Samassi)

World Music Contest 2009 - Banda Musicale Sinfonica "Stanislao Silesu"
In memoriam Il sorriso (Hardy Mertens)
- cello solist : Cristina Bellu
- band : "Lao Silesu", conducted by Francesco Pittau
- venue : "Rodahal", Kerkrade (Netherlands)
- date : july 18th 2009

L'immensa eredità culturale, di genio, di passione e di sacrificio nello studio e nella pratica musicale è stata, per fortuna, conservata e assimilata nella cittadina di Samassi, che ha riconosciuto l'insegnamento, l'amore e la dedizione del suo stimato concittadino. Lao Silesu vive ancora nella "Banda sinfonica di Samassi", bella denominazione per designare l'elevato contenuto culturale e concertistico adottato e che nel contempo mantiene le radici bandistiche originarie, fors'anche troppo strette, visto il livello tecnico dei suoi elementi (tutti maestri diplomati al conservatorio).

Iglesias ha dedicato al prestigioso musicista un'associazione culturale tra le più longeve della città, che si dedica tra l'altro ad un interessante premio letterario.

Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente anche in forma anonima.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

 
+2 # Mariano Garau 2013-10-07 20:54
Vorrei precisare che il Coro di Iglesias diretto dal sottoscritto per 12 anni, non ha mai eseguito e tantomeno raccolto l'eredità del M° Pietro Allori.L'unico Coro che porta il nome del compositore ed esegue da anni il suo repertorio è la CAPPELLA MUSICALE PIETRO ALLORI. www.cappellaallori.com - Vi chiedocorteseme nte di modificare tale notizia.
Vi ringrazio
M° Mariano Garau
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Mauro 2013-10-19 14:36
Egregio M° Garau La ringrazio per la preziosa precisazione.

Questo sito tenta, molto modestamente, di condividere informazioni sulle attività sociali e culturali nel Sulcis-Iglesien te ed è aperta a tutti i contributi qualificati che vogliano condividere informazioni e conoscenza.

Questa nota riprende e mescola informazioni prese dalla rete, non è un articolo originale, come molti altri in questo sito.

Grazie ancora.
Saluti,
Mauro Ennas


Musica a Iglesias e dintorni
mauroennas.eu/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # giuseppe 2013-12-06 14:15
faccio presente che il maestro mariano garau non dirige più il coro di iglesias già da qualche mese saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Mauro 2013-12-15 14:53
Gentile Sig. Madeddu, grazie della segnalazione.
Saluti,
Mauro Ennas
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+4 # Claudio 2014-09-22 11:37
Dove posso trovare informazioni su musei e monumenti di Iglesias?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+15 # Mauro 2014-10-06 19:57
Prova qui
www.visitiglesias.it/ (2015)
www.sportelloiatiglesias.it/
per gli eventi nel territorio vedi anche qui:
www.oggiaiglesias.com/
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+4 # J. Wang 2014-11-13 03:28
Hi would you mind sharing which blog platform
you're using? I'm looking to start my own blog in the
near future but I'm having a tough time choosing between BlogEngine/Word press/B2evoluti on and Drupal.

The reason I ask is because your layout seems different then most blogs and I'm looking for something unique.
P.S Sorry for being off-topic but I had to ask!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+8 # Mauro 2014-11-13 12:04
It is Joomla + extensions: a PHP CMS platform adapted to my own needs (with a large number of themes that you can modify). It is a free of charge product (some extension are not free). See the download page below:
www.joomla.org/download.html
Enjoy :)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # F. 2015-02-14 04:56
Mancano molti nomi tra i quali i principali sono Peo, Becc's Band e Sarrigna B&B :)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Mauro 2015-06-07 09:14
Imperdonabile! Grazie della preziosa segnalazione.

Questo sito non ha alcuna pretesa se non quella di stimolare la condivisione di informazioni sulle attività culturali locali ed è aperto alla collaborazione.
Se hai delle competenze che vuoi condividere, tramite questo sito, fammelo sapere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Mega Cleanse 2015-10-18 15:38
Wow, that's what I was looking for, what a information! existing here at this web site, thanks admin of this website.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # DONNINO CASTEGGIO 2016-04-09 17:40
Salve, sono il figlio di Giovanni Battista Casteggio, leggendo tra le righe di questo articolo, non vedo menzionato il nome di mio Padre, che dopo il Maestro Ferrara, assume la direzione della banda per diversi anni.
Credo che l'autore di questo articolo, prima di divulgare delle inesattezze, avrebbe dovuto consultare gli archivi cartacei/fotogr afici della stessa Banda Musicale.
Anche per far capire,soprattu tto a chi non la conosce, la vera storia di questa splendida banda cittadina.
cordialmente
Donnino Casteggio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Mauro 2016-04-20 14:30
Egregio Signore,
scusandomi sentitamente dell'omissione (non errore), mi riprometto quanto prima di aggiornare le informazioni contenute nel bog.
Un blog, come lei saprà certamente, non è un prodotto editoriale giornalistico ma solo un sito personale che propone contenuti discrezionali.
Se lei avesse voluto contribuire fattivamente avrebbe potuto suggerire dei contenuti per lei rilevanti, non avremo avuto difficoltà a pubblicarli. Questo sito non vuole essere esaustivo ma vuole solo stimolare la memoria degli iglesienti e soprattutto la partecipazione nella creazione di una memoria storica condivisa, senza "arroganza" né presunzione di esaurire tutti gli argomenti, ma con la modestia e la costanza di raccogliere e diffondere informazioni sul territorio.
La ringrazio cordialmente per il suo "gentile" suggerimento.
Saluti
Mauro Ennas
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione