Articoli

25 piccole idee per il Sulcis-Iglesiente - Condividere per anticipare

 


Idee_da_condividere_per_anticipare_il_futuro

«Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno. Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee». (George Bernard Shaw)


Le attività che possono concorrere alla realizzazione di una strategia efficace, efficiente e duratura sono piccole idee dal grande contenuto in termini di semplicità, utilità e fattibilità a basso costo.

Tutte queste idee non sono idee nuove, ciò che deve essere nuovo e innovativo è il modo di comprenderne il loro impatto a medio e lungo termine e l'integrazione strutturata con altre idee e progetti: ciò è possibile solo attraverso piani di formazione strutturati e differenziati in modo moderno ed efficace.

L'innovazione nasce dalla ricombinazione di concetti e pratiche note, che vengono rimodellate su nuove esigenze o su esigenze non ancora evidenti ma potenziali.

Le linee guida per uno sviluppo sostenibile possibile passano attraverso la scelta di uno stile e di priorità, quindi da una decisa scelta di quale cammino intraprendere per determinare lo sviluppo di una comunità.

La scelta che ho fatto è quella di sviluppare un'economia basata sulle risorse ambientali e umane, sul paesaggio e la conoscenza, sul turismo e l'economia tradizionale (moderna agricoltura e allevamento) da una parte, tecnologie della conoscenza dall'altra. La prima parte, quella materiale verrà ampiamente esposta, la seconda solo parzialmente.

 

Idea #6 Riciclo di oli usati per la produzione di saponi e detergenti biodegradabili

Sintesi dell’idea In collaborazione con l’Università e con investitori privati, realizzare un laboratorio chimico e un impianto per il riciclo degli oli usati, da avviare alla produzione di saponi e detergenti alle erbe aromatiche del mediterraneo. 

Contesto Il conferimento dei rifiuti ai vari consorzi priva i territori di importanti materie prime il cui vantaggio economico viene delocalizzato. Riappropriarsi anche solo in parte di alcuni rifiuti potrebbe essere un modo tangibile di organizzare alcune strutture produttive su obiettivi precisi di risparmio e creazione di valore aggiunto. Questa idea vuole essere solo
un esempio di concentrazione (accumulo, raccolta) e riuso di materie di scarto. Ne esistono altre come l’alluminio ad esempio che richiede l’uso di forni per la fusione del metallo (presenti nelle ex fabbriche di Portoscuso), o gli scarti di natura elettronica. Se si riuscisse a far collaborare l’università (scienza dei materiali e chimica) e i privati su obiettivi circoscritti e altamente produttivi si riuscirebbe a generare un tessuto imprenditoriale anche dove non è mai esistito.
Integrando la produzione di saponi con l’agricoltura biologica delle erbe aromatiche e medicinali si possono creare i presupposti per la realizzazione di un nuovo settore produttivo.


Idea #7 Riciclo dell’alluminio, fusione e vendita

Sintesi dell’idea In collaborazione con investitoriprivati, realizzare (o affittare impianti dismessi per la fusione di metalli: exAlcoa) il riciclaggio e la produzione di alluminio dagli scarti presenti nei rifiuti solidi urbani di provenienza regionale e/o nazionale.

Contesto Il conferimento dei rifiuti ai vari consorzi priva i territori di importanti materie prime il cui vantaggio economico viene delocalizzato. Riappropriarsi anche solo in parte di alcuni rifiuti potrebbe essere un modo tangibile di organizzare alcune strutture produttive su obiettivi precisi di risparmio e creazione di valore aggiunto. Questa idea vuole essere solo
un esempio di concentrazione (accumulo, raccolta) e riuso di materie di scarto. Ne esistono altre come gli oli usati o gli scarti di natura elettronica. Se si riesce a far collaborare l’università (scienza dei materiali) e i privati su obiettivi circoscritti e altamente produttivi si riesce a generare un tessuto imprenditoriale anche dove non è mai esistito.
Integrando la produzione di alluminio da rifiuti con le competenze maturate nel territorio nel settore dell’alluminio si possono creare i presupposti per una riqualificazione industriale. Attuando politiche che tendano alla concentrazione dell’alluminio regionale dai rifiuti si possono valutare i benefici in termini di produzione.

 

Idea #8 Impianti sportivi acquatici

Sintesi dell’idea Realizzazione di impianti sportivi acquatici integrati: piscina comunale, sauna, servizi di idroterapia (spa), per uso pubblico e turistico.

Contesto La realizzazione di un centro acquatico integrato è strettamente legata alla disponibilità elevata della risorsa idrica che solo un impianto di dissalazione dell’acqua marina, opportunamente dimensionato, può fornire.
Lo sviluppo turistico di un territorio come quello del Sulcis-Iglesiente, se vorrà mantenere un forte vincolo paesaggistico, dovrà svilupparsi nei centri abitati rendendoli fortemente attrattivi dal punto di vista culturale, della salute e dello sport.
Insieme al centro acquatico possono pensarsi più strutture specializzate come ad esempio:

  • una struttura attrezzata per attività motorie e di svago della terza età;
  • un parco giochi (anche acquatico) attrezzato a disposizione di associazioni e asili per attività motorie e di svago dell'infanzia;
  • centri per l’addestramento all’immersione subacquea.

 

Idea #9 Piste ciclabili dai comuni al mare 

Sintesi dell’idea Realizzazione di piste ciclabili che permettano di raggiungere il mare in bicicletta o a piedi dai comuni quasi-costieri.

Contesto La decisione di intraprendere la via del turismo (crescita dei posti letto e dei servizi) sarà decisiva per stabilire su quali segmenti del mercato si vuole puntare. La possibilità di interessare il turismo giovanile e quello ambientalista, e la scarsa viabilità del Sulcis-Iglesiente fanno riflettere sulla possibilità di avere a disposizione vie alternative per il
collegamento alla principali spiagge del territorio.

  

Idea #10 Razionalizzazione e ottimizzazione dei sistemi informativi 

Sintesi dell’idea Sfruttando la potenza e l’efficienza degli attuali sistemi informativi è possibile progettare un sistema integrato per la gestione dei sistemi informativi dell’intero Sulcis-Iglesiente (già in parte realizzato su base regionale) che vedrebbe coordinati gli sforzi di informazione trasparente e marketing territoriale su base unitaria, seppure distribuita sul territorio. 

Contesto Lo scenario futuro di elevata competitività territoriale per l’appropriazione delle risorse, materiali e immateriali, ci può guidare nella decisione di realizzare strutture sempre più dinamiche e integrate. La gestione dei dati e delle informazioni delle comunità locali, orientate alla trasparenza dell’azione amministrativa e alla partecipazione, unite alle
necessità di promozione turistica di eventi, già ampiamente condivisa a livello regionale col suo sistema di portali, può essere ulteriormente rafforzata da una struttura organizzativa centralizzata senza perdere il vantaggio di avere operatori distribuiti sul territorio.
Inoltre la sostituzione software (ed eventualmente dei sistemi operativi) di produttività degli uffici pubblici con software con licenza open-source e virtual-machine può incidere notevolmente sulla riduzione dei costi annui delle licenze.

 

Idea #11 Attuare un piano di risparmio energetico

Sintesi dell’idea Realizzare un minuzioso piano per il risparmio energetico in tutti gli edifici e strutture pubbliche, monitorare costantemente nel tempo e su obiettivi prestabiliti.
Realizzazione di un programma intensivo e ridondante di educazione al risparmio energetico nelle scuole dell’obbligo.

Contesto Azioni possibili:

  • sostituzione delle lampade per l'illuminazione pubblica con sistemi a LED; 
  • valutare la possibilità di installare lampioni pubblici "intelligenti" (motion detection, temporizzazione accensione e spegnimento, erogazione energia per mezzi elettrici, connessione Wi-Fi, alimentazione a fotovoltaico e/o eolico sul lampione stesso, video-sorveglianza, telemetria); 
  • costruzione di più impianti di media potenza (da 1MW a decine di MW) per l'erogazione di energia da fonte alternativa; 
  • valutare le esigenze energetiche complessive delle strutture pubbliche (uffici scuole ospedali), dimensionamento e valore attuale netto degli impianti necessari e sufficienti, a regime, per la copertura totale delle esigenze di struttura; 
  • valutazione della partecipazione privata negli investimenti e nella condivisione della redditività dell'investimento. 


Idea #12 Rete dei sentieri per l’escursionismo

Sintesi dell’idea Classificazione dei percorsi e sentieri del territorio in almeno tre classi di rilevanza, fruibilità-difficoltà e relazione col territorio circostante. Mappatura, segnalazione e geo-referenziazione dei percorsi indicando distanze e tempi di percorrenza, siti confinanti e siti di rilievo culturale e naturalistico. Realizzazione (prefabbricata) di piccoli rifugi in prossimità di sorgenti o corsi d’acqua (ove presenti) per garantire soste (ove possibile attrezzate) in caso di emergenza. Individuazione dei servizi essenziali presenti in prossimità o lungo ogni percorso, valutazione della possibilità (costi/benefici) di realizzazione dei servizi essenziali mancanti. Realizzazione nei punti di snodo dei percorsi di piccole strutture (prefabbricate) di servizio (informazioni, attrezzi, gadget, bar, servizi igienici e di telecomunicazioni, riferimenti a guide esperte e servizi di trasporto ed emergenza). Creazione di una rete di servizi per il turismo escursionistico e naturalistico guidato (fotografia, bird watching ...) al fine di permettere a comitive di escursionisti di fruire percorsi naturalistici in sicurezza ed eventualmente di visitare siti culturali ed usufruire della rete archeologica di servizi. Gestione in rete (on-line) dei dati e delle informazioni condivisibili con altri siti del territorio, realizzazione di un piano di marketing territoriale specifico.

Contesto I percorsi e i sentieri del Sulcis-Iglesiente sono spesso poco noti e scarsamente segnalati. La riorganizzazione e la realizzazione possono rimettere in gioco competenze di alto livello sul territorio nella progettazione e gestione delle risorse ambientali. Lo scopo è quello di costruire una base di dati completa e integrata dei percorsi e dei sentieri, il miglioramento della segnalazione tramite cartelli e indicazioni esplicite delle località (in distanza e tempo di percorrenza) la realizzazione di una serie di servizi essenziali per il trasporto, la comunicazione e l’emergenza, finalizzata alla realizzazione di un sistema integrato di fruizione delle bellezze naturalistiche guidate da esperti del territorio per realizzare dei percorsi,anche di più giorni, all’interno del territorio accessibile prevalentemente a piedi (cavallo, moto). I servizi potranno essere integrati per fornire una fruizione di alto livello (efficienza e compenetrazione dei servizi di accesso e di permanenza di breve media e lunga durata) a comitive e piccoli gruppi di escursionisti. La realizzazione della rete può permettere di immettere sul mercato turistico internazionale un prodotto con caratteristiche elevate in qualità e efficientedal punto di vista logistico e organizzativo, coinvolgendo le professionalità già presenti sul territorio e permettendo una futura espansione. L’idea si propone di creare una struttura duratura e altamente organizzata per la gestione e lo sfruttamento delle risorse ambientali del Sulcis-Iglesiente.


 Esempio di percorsi georeferenziati.

 

 Esempio di segnaletica CAI.

 

Idea #13 Rete archeologica e museale

Sintesi dell’idea Classificazione dei siti archeologici del territorio in almeno tre classi di rilevanza, fruibilità e relazione col territorio circostante (musei e altri siti d’interesse culturale). Individuazione dei servizi essenziali presenti in prossimità di ogni sito, valutazione della possibilità (costi/benefici) di realizzazione dei servizi essenziali mancanti. Costruzione (prefabbricata) di un ufficio turistico indipendente in ogni sito di rilievo (informazioni, mappe, gadget, bar, servizi igienici e di telecomunicazioni, riferimenti a guide esperte eservizi di trasporto ed emergenza). Creazione di una rete di servizi per il turismo interconnessa e collaborante al fine di permettere a comitive turistiche di visitare più siti ed usufruire della rete di servizi.

Contesto Le posizioni dei siti archeologici sono spesso a grande distanza dai centri abitati e sono distribuiti in modo non sempre uniforme sul territorio. Lo scopo è quello di costruire una base di dati completa e integrata delle località, dell’accessibilità e dei servizi che possono essere integrati per fornire una fruizione di alto livello dei siti archeologici e culturali (efficienza e compenetrazione dei servizi di accesso e di permanenza di breve media e lunga durata: alberghi, ristoranti e zone di servizio e di sosta, risorse museali e ambientali) a comitive e piccoli gruppi. La realizzazione della rete può permettere di immettere sul mercato turistico internazionale un prodotto con caratteristiche elevate in qualità e efficiente dal punto di vista logistico e organizzativo, coinvolgendo le professionalità già presenti sul territorio e permettendo una futura espansione. L’idea si propone di creare una struttura duratura e altamente organizzata per la gestione e lo sfruttamento delle risorse culturali del Sulcis-Iglesiente.


    

Grotta di Santa Barbara (Iglesias) e sito archeologico di Monte Sirai (Carbonia).

 

 

Idea #14 Informatizzazione della rete per la mobilità e coordinamento

Sintesi dell’idea Realizzare di un sistema informativo che raccolga tutte le informazioni sul traffico pubblico (prevalentemente su gomma) e permetta il servizio dinamico e su richiesta sui percorsi tradizionali e stagionali.

Contesto Azioni possibili:

  • realizzazione di centri intermodali nei punti nodali a maggiore traffico del territorio; 
  • valutare la possibilità di installare lampioni pubblici "intelligenti" (motion detection, temporizzazione accensione e spegnimento, erogazione energia per mezzi elettrici, connessione Wi-Fi ...); 
  • realizzazione di un sistema a chiamata diretta per gli autobus urbani, con centraline intelligenti (smart city) per la prenotazione con scheda  intelligente di riconoscimento o abbonamento (trasmissione dati via radio/cellulare); 
  • favorire l’uso di autobus e mini-taxi elettrici o ad aria compressa nei centri urbani; 
  • creare parcheggi pubblici in prossimità dei centri intermodali per favorire la mobilità pubblica nei centri urbani e l’uso di auto a impatto zero e a basso costo; 
  • valutazione della partecipazione privata negli investimenti e nella condivisione della redditività dell'investimento. Ad esempio. Servizio di mini-taxi su abbonamento, parcheggi custoditi, servizi di trasporto speciali per persone non autonome, consegne a domicilio ...

      

Noleggio biciclette, piste ciclabili e auto a impatto zero (auto ad aria compressa: tempo di ricarica a 220V di 3 minuti!) nelle aree urbane delle città.

  

Rete geo-referenziata di ricarica per auto elettriche (http://www.mychargepoint.net).

 

Idea #15 Riorganizzazione e ammodernamento delle biblioteche comunali 

Sintesi dell’idea Realizzare dei centri culturali integrati per l’accesso a dati e pubblicazioni digitali, spazi modernamente attrezzate e polifunzionali, che permettano di essere utilizzati per corsi, seminari e altre attività di condivisione della conoscenza.

Contesto In particolare si suggeriscono i seguenti elementi:

  • biblioteca universitaria con la possibilità di accesso a riviste internazionali e altre pubblicazioni in formato elettronico; 
  • realizzazione di una cineteca del cinema internazionale d'autore, con i maggiori capolavori del cinema mondiale disponibili alla visione per studio e discussione; 
  • spazi attrezzati ai laureandi, dottorandi e altri studiosi per facilitare e favorire la realizzazione delle opere d'ingegno (ad esempio spazi interni ad una biblioteca); 
  • prossimità con giardini e spazi verdi, per favorire l’incontro e la discussione; 
  • utilizzo di software di produttività e sistemi operativi con licenza open source e virtual machine (riduzione dei costi annui delle licenze).

 

Idea #16 Spazi e servizi per la socializzazioni e la condivisione

Sintesi dell’idea Realizzare servizi e spazi pubblici per la condivisione di eventi e per la discussione democratica, gestiti da associazioni e/o società miste. 

Contesto Alcuni suggerimenti:

  • realizzare una grande mensa comunale centrale (consorziando gli operatori del settore) per servire tutti i lavoratori degli uffici pubblici e privati, gli studenti e gli insegnanti delle scuole e tutti i cittadini che ne vorranno disporre; 
  • realizzare di strutture organizzate di aggregazione di quartiere per attività di discussione e di svago utilizzando anche eventuali strutture pubbliche in disuso); 
  • realizzare aree attrezzate per le attività motorie dei bambini (parco giochi attrezzato e vigilato); 
  • realizzare strutture per attività motorie e di svago degli anziani (ad esempio: sale da ballo); 
  • individuazione di terreni comunali inutilizzati e creazione di orti urbani condivisie aree ordinate e attrezzate da affidare a pensionati e associazioni di cittadini ...


 

Idea #17 Formazione differenziata e valutazione delle competenze del territorio

Sintesi dell’idea Realizzazione di un piano di classificazione e valutazione delle risorse umane del territorio da avviare alla formazione differenziata per l’attivazione di imprese locali nei settori utili allo sviluppo economico 

Contesto Alcuni suggerimenti:

  • raccogliere e classificare i curricula di residenti nel Sulcis-Iglesiente; 
  • attivare dei piani di formazione integrata e differenziata su competenze avanzate, finalizzate    all’ottimizzazione dei processi e delle risorse; 
  • predisporre dei piani di finanziamento per i gruppi e i singoli che supereranno positivamente il piano di formazione; 
  • reperire finanziamenti comunitari; 
  • realizzare strutture permanenti di valorizzazione e di pianificazione dell’impiego delle risorse umane

  

Idea #19 Rete dei portali delle attività commerciali e imprenditoriali  

Sintesi dell’idea Costruire un portale che riferisca dettagliatamente tutte le attività commerciali e imprenditoriali del territorio, presentandolo come una realtà unitaria strutturata e fornire dei servizi evoluti per la vendita di prodotti e servizi anche on-line.

Contesto Alcuni suggerimenti:

  • realizzare un prototipo di dimensione territoriale limitata con funzionalità e servizi di base gratuiti; 
  • verificare la ricaduta pratica e la convenienza economica per gli operatori; 
  • stabilire dei criteri generali per la comunicazionee il marketing.

  

Idea #20 Reti municipali ibride (Wi-Fi e WiMax)

Sintesi dell’idea Costruire reti municipali ibride nei comuni del territorio per garantire accesso gratuito e a larga banda alle scuole e alla cittadinanza; realizzazione di un piano di corsi intensivi di informatizzazione rivolti alla terza età, agli studenti delle scuole dell’obbligo e alla cittadinanza per realizzare una drastica riduzione del ”digital divide”. Collaborazione con professionisti locali e con la Polizia di Stato. 

Contesto Alcuni suggerimenti:

  • rete Wi-Fi di quartiere 
  • rete Wi-Fi nei centri storici 
  • rete Wi-Fi in prossimità degli uffici comunali e dei principali uffici, scuole e ospedali 
  • collegamento wireless con le zone montane, le frazioni e i siti d’interesse storico-culturale e minerario non raggiungibili diversamente
  • corsi di navigazione consapevole
  • cosi di informatizzazione di base
  • corsi pratici orientati alle professioni
  • corsi orientati alle applicazioni e ai servizi web
 

La rete dei comuni di Terragnolo, Trambileno e Vallarsa (in provincia di Trento).

 

Idea #21 Servizi intelligenti per le municipalità 

Sintesi dell’idea Definizione, progettazione e realizzazione di una rete di servizi distribuiti sui territori cittadini, finalizzata anche all’ottimizzazione e all’aumento di efficienza nei consumi energetici.

Contesto Alcuni suggerimenti sono legati all’installazione di lampioni per l’illuminazione pubblica, alimentati da solare fotovoltaico e/o eolico (con batterie tampone), contenenti tecnologia per la gestione remota degli spegnimenti e per il monitoraggio remoto 24hx365g; prese di alimentazione elettrica abilitabile con carta magnetica (e/o microchip), connessione spot Wi-Fi distribuito sulle aree cittadine; prenotazione autobus a chiamata diretta. Sistemi di video-sorveglianza dei parcheggi ...

Schema dei servizi smart distribuibili attaverso i lampioni pubblici.


    

Lampioni Wi-Fi su aree municipali e lampioni per ricarica elettrica.

  

Idea #22 Impianti di svago acquatico 

Sintesi dell’idea Studio d’impatto ambientale e realizzazione di impianti di svago acquatico di medie dimensioni in prossimità dei centri più importanti del territorio, per fini turistici e sportivi.

Contesto In stretta relazione alla disponibilità massiccia d’acqua e di presenza di un dissalatore d’acqua marina opportunamente dimensionato, possono essere pensate e realizzate più strutture distribuite sul territorio e gestite da privati o da consorzi, società sportive e/o ricreative, per l’uso stagionale. Localizzate anche in prossimità di centri sportivi polifunzionali lontani dai centri abitati e in zone adatte ad accogliere parcheggi e servizi connessi.

 

Idea #23 Rete degli ostelli della gioventù

Sintesi dell’idea Realizzazione ex novo o ristrutturazione e utilizzazione di strutture comunali in disuso per realizzare ostelli della gioventù (per il turismo giovanile low cost) nei principali comuni del territorio. 

Contesto Poter offrire dei servizi turistici differenziati che tengano conto anche delle esigenze di turismo a basso costo, potrebbe permettere di scegliere la meta del Sulcis-Iglesiente a giovani (prevalentemente studenti) provenienti da tutte le parti del mondo; la realizzazione di ostelli può garantire le permanenze stagionali e gli scambi culturali tra il territorio e il resto del mondo, linfa vitale per il cambiamento di mentalità, l’apertura a nuove culture e l’imprenditoria locale.
Realizzare un sistema informativo che metta in rete le strutture del territorio e che mappa i posti disponibili condividendo i servizi culturali e di mobilità fra imprese del territorio attraverso un marketing territoriale integrato fruibile on-line. Rete integrata degli ostelli, degli alberghi, dei servizi sportivi, museali, archeologici, eventi e spettacoli.

Esempio di stanza in un ostello.

 

Idea #25 Utilizzo di tutti gli edifici e gli spazi comunali in disuso

Sintesi dell’idea Classificazione degli edifici pubblici in disuso, ristrutturazione e messa a norma graduale degli edifici utili alla realizzazione di attività culturali di formazione e di avviamento di progetti d’impresa. Analisi di mercato, business planning e reperimento fondi per la realizzazione di progetti di micro-imprese locali.

Contesto In stretta relazione alla disponibilità di spazi e di edifici e delle loro condizioni, valutare la possibilità di realizzare un piano di investimenti mirati su micro-imprese per la realizzazione di servizi nei settori turistico, alberghiero e tecnologico.


Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente anche in forma anonima.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

 
+5 # Roberto Bello 2015-02-10 12:57
Mie proposte per un turismo ecocompatibile e partecipato nel Sulcis: www.amaresulcis.eu.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+5 # Mauro Ennas 2015-02-11 21:39
Grazie per aver condiviso le sue idee di sviluppo del territorio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione