Articoli

Ciò che sappiamo non è mai abbastanza - Metodo induttvo

Il metodo induttivo si basa sulla raccolta di osservazioni riguardo un certo fenomeno, da cui trarre una legge generale che permetta di prevedere un futuro comportamento di tale fenomeno o più semplicemente di una sua manifestazione. Purtroppo però, l'induzione non ha una reale consistenza perché non si può formulare una legge universale sulla base di singoli casi, ad esempio, l'osservazione di uno o più orsi dal colore bianco non autorizza a dire che tutti gli orsi sono bianchi.

In queste poche righe non voglio certo addentrarmi nell'analisi dei criteri di falsificabilità delle teorie scientifiche, che caratterizza ancora oggi una delle massime diatribe sul metodo laddove venga applicato a tematiche o eventi unici come la creazione dell'universo, per i quali esiste una folta letteratura. Ciò che mi preme sottolineare è come questo sapere di base sia stato assorbito poco o per niente dal senso comune, dalla stragrande maggioranza della popolazione alfabetizzata dell'occidente. Ciò di fatto ha costituito sino ad oggi un mancato sviluppo intellettuale delle masse e ha bloccato l'evoluzione ed il progresso dell'umanità. Ciò che vorrei esprimere non è tanto la superiorità del metodo scientifico quanto la sua NON diffusa conoscenza, che avrebbe potuto condizionare positivamente le decisioni e l'elaborazione della realtà della moderna umanità. Guidare e governare le decisioni e le scelte di intere popolazioni, non è cosa da poco, se pensiamo alle emergenze ambientali, alle guerre in atto in molte parti del mondo, alla sovrappopolazione e alla scarsità di cibo, ma è anche un pericolo per lo 'status quo', per il potere conservatore e reazionario che preferisce un gregge quieto a decisori raziocinanti in continuo fermento per la promozione del progresso.


Galileo (regia di Liliana Cavani, 1968)


 

Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente anche in forma anonima.

Codice di sicurezza
Aggiorna