Articoli

Comunità futura 2.0 reloaded - Energia

Energia a basso costo per sempre

Ogni comunità dovrebbe essere guidata verso il risparmio energetico, la sostituzione di tutte le lampade ad alto consumo con le più moderne a basso consumo (delle quali si testimoniano risparmi superiori al 30%) a parità di capacità di illuminazione, l'illuminazione pubblica, comprese le strade dovrebbe essere quasi esclusivamente effettuata con lampade a led (delle quali si testimoniano risparmi energetici superiori al 50%).

La manutenzione degli impianti di trasmissione dell'energia e l'efficienza termica degli edifici, unita alla sostituzione degli impianti di generazione termoelettrica tradizionali (circa 40% di efficienza) con centrali termoelettriche a ciclo combinato (con efficenze del 50-60%), consente di creare una minore dipendenza dalle fonti fossili e contemporaneamente favorisce lo sviluppo di piccoli e numerosi impianti che utilizzano le fonti rinnovabili.

Oltre al risparmio energetico e all'efficienza nella produzione, nella trasmissione e nell'utilizzo dell'energia (consumi), le comunità dovrebbero utilizzare l'energia fornita dall'integrazione di più tecnologie, dai piccoli impianti privati decentrati ai parchi eolici e alle centrali solari centralizzati, scegliendo una o più zone del territorio che siano adatte a contenere le centrali (eolica, termodinamica a specchi, a torre solare, fotovoltaica ...) totalmente rinnovabili e a emissioni zero. Ciò toglie l'energia dalle mani dei monopolisti e crea un sistema decentrato e distribuito di piccole società di sevizi dell'energia (ESCO) di dimensioni contenute e aree d'azione territoriali limitate e specializzate. Gli esempi ci sono e funzionano.



Se le risorse economiche disponibili venissero utilizzate per potenziare i piani di generazione di energie rinnovabili, in breve tempo si riuscirebbero a coprire le esigenze energetiche abituali e contemporaneamente a ottimizzare i sistemi di produzione, trasmissione e utilizzo in modo sostanziale se non definitivo.

Consumi mondiali di energia (per nazione) al giorno per persona in funzione del reddito pro capite (Copyright David MacKay tratto da "Sustainable Energy without the hot air", 2008). Da questo studio risulta che in Italia (redditto medio annuo di circa 28000 dollari pro capite) ogni cittadino consuma ogni giorno mediamente 100kWh di energia (compresa mobilità e riscaldamento), dei quali circa poco più di un terzo per il trasporto, circa un terzo per la produzione di aria calda/fredda per riscaldamento/refrigerazione e acqua calda (8% circa). L'ISTAT (consumi pro capite in Italia) ha divulgato dati relativi all'anno 2006 (di circa 15-20 kWh al giorno pro capite).

Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente anche in forma anonima.

Codice di sicurezza
Aggiorna