Articoli

Le armi del potere: manipolazione e diffamazione a uso politico - Concetti ricorrenti

Synthetic telepathy e controllo mentale

Questo delicato argomento si presta a facili incomprensioni e fraintendimenti perché utilizza dei concetti complessi e di largo utilizzo ma frequentemente non compresi a fondo dall'utente medio. Cosa sono le vibrazioni? [come si chiede anche Jep Gambardella in "La grande bellezza] Dopo avere compreso fenomeni meccanici come le vibrazioni, le oscillazioni e la risonanza dobbiamo tentare di comprendere e distinguere i fenomeni fisici come i suoni (onde di pressione, onde acustiche ) da quelli meno intuitivi rappresentati dalle onde elettromagnetiche come la luce, le onde radio e le microonde, queste ultime comprensibili solo attraverso apparati elettronici adatti alla loro "cattura" e appropriata trasduzione (ricevitori di radiofrequenze). In pratica gran parte delle onde elettromagnetiche sfuggono ai nostri sensi perchè non sono direttamente tradotte in qualcosa che siamo in grado di comprendere direttamente senza esserne confusi, per questo riusciamo a comprendere solo concetti che hanno diretto contatto con i nostri sistemi sensoriali e riconosciamo solo gli effetti diretti dei campi elettromagnetici sul nostro organismo: come l'aumento di temperatura sulla pelle (tatto ), gli effetti visivi (luce sulla retina) o gli effetti uditivi (ad esempio prodotti da onde elettromagnetiche modulate di opportuna frequenza)-

Le onde acustiche (suoni) sono onde di pressione che fanno vibrare l’aria (senza l’aria i suoni non si propagherebbero) propagandosi nella stessa direzione nella quale vibra l’aria stessa e in un certo intervallo di frequenza (20-20000 cicli al secondo ossia 20Hz-20kHz) mentre le microonde sono onde elettromagnetiche (ossia l’oscillazione di un campo elettrico e di un campo magnetico perpendicolari tra loro e che si propagano meglio nel vuoto, in assenza di aria o altra materia).

È dimostrato, e non è fantascienza, che le microonde producono effetti acustici ossia sono in grado di interagire con l’apparato uditivo (in particolare con timpano e coclea).

L’apparato acustico umano è formato da un orecchio esterno che raccoglie i suoni e da un timpano che permette di trasmettere la vibrazione meccanica alla coclea (un apparato a forma di spirale costituito da due condotti cavi paralleli) che è in grado di trasmettere il segnale di pressione al cervello attraverso una sua trasformazione in segnale elettrochimico. Il cervello trasformerà il segnale ricevuto in qualcosa di intelligibile e riconoscibile dalle strutture specializzate nelle funzionalità linguistiche del cervello. Gli apparati tecnologici cocleari permettono di trasmettere, nei casi di disturbi uditivi, il segnale esterno amplificato (voce e altri suoni) direttamente alla coclea che li trasporta attraverso i sistemi di trasduzione elettrochimica sino al cervello. È facile comprendere come sia possibile, con segnali ad opportuna frequenza e opportunamente trattati (modulati), trasmettere un segnale esterno “non acustico” (onde elettromagnetiche) di particolare frequenza (microonde), che manifesta dimostrati effetti acustici (cioè è capace di interagire con la coclea direttamente senza apparati di amplificazione intermedi, come avviene con gli apparati utilizzati in caso di sordità o per gli ipo-udenti) e che sia un segnale riconosciuto e trasformato opportunamente per essere inviato al cervello.

 

Dove sta la differenza? Il segnale elettromagnetico alla frequenza della microonde raggiunge direttamente la coclea e la fa vibrare, questa trasforma il segnale in uno stimolo elettrochimico che raggiunge il cervello che lo interpreta: in pratica il messaggio trasportato dal segnale elettromagnetico a microonde (ad esempio una voce) che alla fine raggiunge il cervello, può essere interpretato come una suggestione interna (pensiero) piuttosto che come un segnale proveniente dall’ambiente esterno. In pratica il cervello viene ingannato: pensa che quel messaggio sia prodotto da se stesso e non dal mondo esterno. Tutto questo è ragionevolmente possibile ed anzi si potrebbe fare un passo, altrettanto ragionevole, pensando di poter interagire direttamente sul lobo temporale della testa,  come pubblicizzato negli anni ’80 da un apparato di memorizzazione delle lingue straniere chiamato “Brainmost” (brevettato negli USA e venduto in tutto il mondo), che prometteva la memorizzazione notturna agendo con uma fascia frontale a bassa tensione posta sulle tempie dell’utente. Non abbiamo a disposizione i risultati delle ricerche che sono stati fatti dagli anni ’50 ad oggi, ma sappiamo che negli anni ’60 sono stati pubblicati dei risultati sugli effetti uditivi dei segnali a microonde (campi elettromagnetici non onde acustiche) e poi abbiamo tutta una serie di brevetti dagli anni ’70 sino ai giorni nostri, che non rappresentano la totalità delle produzioni tecnologiche esistenti in quanto escludono quelle coperte da segreto industriale e militare. Come possiamo fare a sapere se ciò sia possibile? Questa è solo un’intuizione? Oppure e possibile ipotizzare qualcosa a partire dagli effetti che sono stati testimoniati dalle persone che hanno subito una sperimentazione di questi apparati sulla loro pelle? Se non siete ancora convinti, ciò che posso dirvi con certezza è che tutto questo esiste ed è più vicino a noi di quanto possiate immaginare.

 

Altri concetti ricorrenti da approfondire

In questo breve paragrafo elencherò alcuni dei concetti utili alla comprensione della manipolazione e della diffamazione ad uso politico che potranno essere ritenuti meritevoli di approfondimento:

  • Trasmissione acustica ipersonica, trasmissione ossea e cocleare, trasmisione a microonde con effetti acustici (synthetic telepathy)
  • Condizionamento operante (Skinner’s box)
  • Ipnosi, riflessi condizionati, allucinazioni visive, allucinazioni uditive, programmazione neuro-linguistica
  • Farmaci e droghe
  • Intercettazione delle comunicazioni
  • Alterazione dell’informazione, manipolazione e falsificazione di dati e documenti
  • Sintesi del parlato (voice synthesis) e tecniche di mixing delle registrazioni telefoniche
  • Videosorveglianza e pedinamento
  • Telescopio ad uso terrestre e strumenti ottici
  • Microfoni direzionali, laser, microspie, microcamere, registratori video e controllo remoto
  • Scanner radio (per le frequenze dei cellulari)
  • Software di manipolazione e riproduzione audio, video e delle immagini

 

Brevetti

3951134                  5159703   6052336   6587729

3951134   4877027   5159703   6052336   6587729   [Google Patents]

Lista  1  2  3

 

Le onde radio vengono riflesse dall'atmosfera (ionosfera), le microonde più penetranti vi passano attraverso e si propagano sino alla superfice della Terra (esempio di microwave spot).

 

Articoli e lavori scientifici

Allan H. Frey, Human auditory system response to modulated electromagnetic energy, Journal of Applied Physiology Published 1 July 1962 Vol. 17 no. 4, 689-692   [not free]

Allan H. Frey , Effects of microwaves and radio frequency  energy on the central nervous system  random line, Incorporated  Willow Grove, Pennsylvania , 1969  

James C. Lin, Microwave Auditory Effects and Applications (Thomas, 1978)  

Chung-Kwang Chou and Arthur W. Guy, Auditory perception of radio-frequency electromagnetic fields [J. Acoust.S oc.A m. 71(6), June 1982]  

J. A. Elder and C. K. Chou, Human auditory perception of pulsed radiofrequency energy, Motorola Florida Research Laboratories, Bioelectromagnetics, vol. 24, Supplement 6, pp. S162–S173, 2003  

Henry Lai, Memory and Behavior, Bioelectromagnetics Research Laboratory, Department of Bioengineering, University of Washington, USA  [Erice, Italy, 1999]  

Joseph J. Carr, Practical Antennas Handbook (McGraw-Hill, 2001)  

 

Altri riferimenti

John McMurtrey, Remote behavioral influence technology evidence, selected bibliography (23 Dec, 2003 )  

Europen Parliament report on environment, security and foreign policies (1999)   

Bioeffects of selectec non-letal weapons (docs and report)  

Alison Wills, The Voice of God? (targeted individuals, acoustic weapons, mental control), from the “European Commission” (Justice) public contribution  

Non lethal weapons report [english] (materiale di varia provenienza su armi non letali e controllo mentale)  

Organized stalking victims   

Synthetic Telepathy   

Audio Spotlight (target directed sound)   


Letture consigliate

  1. Norberto Bobbio, Nicola Matteucci e Gianfranco Pasquino, Il Dizionario di Politica (UTET, 2004)
  2. Aldo Gianulli, Come funzionano i servizi segreti (Ponte alle Grazie, 2009)
  3. Margareth Thaler Singer, Cults in our midst (Wiley, 1995)
  4. John Marks, The search for the “manchiurian candidate” (Norton, 1991) [1979]
  5. Gregory Bateson, Verso un’ecologia della mente (Adelphi,  1976, pp. 244-274) [1974]
  6. James A. March e Herbert A. Simon, Organizations (Wiley, 1958)
  7. Burrhus F. Skinner, Scienza e comportamento (Franco Angeli, 1992) [1953]
  8. Ivan P. Pavlov, I riflessi condizionati (Bollati Boringhieri 1966 e 1994) [1936]
  9. Andrew Salter, Contitioned Reflex Theraphy (Wellness Institute, 2001)
  10. Daniel Loeb, Be Ye Transformed 'Christianity, Hypnosis, and Behavioral Modification', Dwell-Prudence 2006
  11. Julie K. Petersen, Understanding surveillance technologies (CRC  2012)

 

Filmografia consigliata

  1. Orson Welles, Il processo (Francia-Germania-Italia-Jugoslavia, 1962)
  2. Marco Bellocchio, Sbatti il mostro in prima pagina (Italia, 1972)
  3. Bergman Ingmar, Il flauto magico (Svezia 1975)
  4. Mario Monicelli, Un borghese piccolo piccolo (Italia, 1977)
  5. Elio Petri, Buone notizie (Italia, 1979)
  6. Alan Parker, Mississipi Burning 'Le radici dell'odio' (USA, 1988)
  7. David Fincher, The Game 'Nessuna regola' (USA, 1997)
  8. Peter Weir, The Truman Show (USA, 1998)
  9. Tony Scott, Enemy of the State aka 'Nemico Pubblico' (USA, 1998)
  10. Stanley Kubrick, Eyes Wide Shut (UK-USA, 1999)
  11. Fabian Bielinsky, Nove regine (Argentina, 2000)
  12. Daniel  Monzon, The Kovack's Box aka 'Controllo mentale' (Spagna-UK 2006)
  13. Roberto Andò, Viva la libertà (Italia-Francia, 2013)

 

 

«Non c’è sordo più di chi non vuol sentire.»

Antico proverbio

 

 

Articoli più letti - Consapevolezza




    

Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente anche in forma anonima.

Codice di sicurezza
Aggiorna